News: Fiere, Eventi, Showroom

‹ indietro
Minacciolo, cappa Mammut, design, Biennale Internazionale Design Saint-Étienne
22 Febbraio 2017

La cappa Mammut alla Biennale Internazionale Design Saint-Étienne

La cappa Mammut, icona del design firmata Minacciolo, è stata selezionata per essere esposta alla Biennale Internazionale del Design 2017, intitolata Working Promess, che si terrà a Saint Etienne (Francia) dal 9 marzo al 9 aprile 2017.

 

La mostra che ospiterà la cappa, nominata Panorama of the mutations of work, verterà sul tema di come le mutazioni del lavoro incidano sul design, sull’ambiente domestico, sulla dimensione urbana e sociale.

 

Ancora una volta un riconoscimento prestigioso per l’azienda trevigiana, raggiunto non per caso ma attraverso un lavoro costante e scrupoloso che da più di quarant’anni contraddistingue la produzione di Minacciolo.

 

 

Biennale Internazionale Design Saint-Étienne

Istituita nel 1998, la Biennale Internazionale del Design di Saint-Étienne è diventata uno degli eventi chiave del design, a livello internazionale, strettamente connessa con l’innovazione, le prospettive future e la ricerca attraverso il design. Dato il suo respiro internazionale e il ruolo di polo di riferimento, la Biennale Internazionale del Design di Saint-Étienne è parte integrante di un approccio globale allo sviluppo, che si compie attraverso il design. Il luogo è Saint Étienne, designata dall’UNESCO come città creativa e del design.

 

 

Panorama of the mutations of work

Così come il lavoro entra nella nostra sfera personale, anche i nostri spazi domestici non sfuggono a questa dinamica dominante. I gesti del lavoro industriale entrano nelle nostre case, attraverso le molteplici attrezzature che ne fanno parte, mutando lentamente i nostri luoghi di vita in termini industriali. Secondo questa logica, e in quest’era del tutto digitale, l’utente moderno e contemporaneo assume sfaccettature diverse: le attività professionali e quelle del tempo libero, quotidianamente interconnesse, ne fanno un creatore seriale di dati utili e inutili, che partecipa a un lavoro globale permanentemente visibile e invisibile. Questa mostra svelerà un panorama di mutazioni del lavoro, nelle sue forme emergenti, al punto da abbozzarne la possibile fine o le alternative. Allarmiste, salutari o mistiche, le future e possibili mutazioni del lavoro rappresentano tante possibilità esistenziali, che offrono opportunità di inventare nuove organizzazioni sociali, nuovi strumenti e nuove modalità di convivenza. 

 

Curatori: Scientific direction, Cité du design and Marie Lechner, researcher
Scenografie: GUI & Cyril Magnier, Designer, France

 

 

Biennale Internazionale del Design
Saint-Étienne (Francia)
9 marzo – 9 aprile 2017

Iscriviti alla newsletter

Verrai informato su tutte le novità del mondo Minacciolo

Richiedi l'accesso all'area riservata

Verrai contattato dal nostro ufficio commerciale, che ti invierà le credenziali per accedere.